Neymar o Iniesta? Il Top Player della Confederations Cup è Giaccherini

b7c014d4f582310ce34e1f07419bcdc4-59806-ca3c088bd715fe0350876b1de5aef863.jpegTanti i candidati al premio mediatico di miglior giocatore della Confederations Cup: la giuria in Brasile ha premiato la stellina verdeoro Neymar. D’altronde il neo-acquisto del Barcellona ha vinto la manifestazione con la formazione di Felipao Scolari, ma dall’Europa parecchie menzioni sono state spese nei confronti di Andres Iniesta. Il campione catalano ha impreziosito la manifestazione della Roja sino alla finalissima. In casa Italia invece un nome ha svettato su tutti gli altri: Emanuele Giaccherini. Già proprio il jolly della Juventus è stato uno dei migliori in assoluto della competizione, tanto da essere inserito nella Top 11 della manifestazione. Proprio quel Giaccherini la cui presenza in Brasile era stata accolta con scetticismo ed ironia da molti italiani. D’altronde venire da Talla e aver militato per anni in Lega Pro non permette di godere del pedigree di molti più celebrati colleghi stranieri. Proprio Jack Daniels invece ha impressionato per continuità di rendimento ed affidabilità, tanto da indurre Prandelli a schierarlo in tutti i ruoli. Esterno, centrocampista e mezzapunta a ridosso di Gilardino contro la Spagna. Il jolly della Juventus di Antonio Conte ha dimostrato di sapersi destreggiare ovunque. Una risorsa fondamentale per la Nazionale e un giocatore ancor più maturo a livello internazionale per la Vecchia Signora. A Torino ha davanti campioni come Vidal, Pirlo, Marchisio e Pogba. Eppure l’ex Pavia e Cesena in silenzio ha sempre saputo aspettare il suo turno, approfittando di ogni occasione concessa. Magari non hanno nomi altisonanti e non costano decine di milioni di euro: eppure possono essere altrettanto decisivi. Con abnegazione ed umiltà…

QUALCUNO SE NE DOVRA’ FARE UNA RAGIONE, SUO MALGRADO………………….

Neymar o Iniesta? Il Top Player della Confederations Cup è Giaccheriniultima modifica: 2013-07-02T17:44:15+02:00da sdylla1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento