Beppe Marasà trascina gli Yellows alla vittoria (7-6)

Bella partita ieri sera allo Zara. Le squadre hanno dato vita ad un incontro equilibrato  e con  il risultato in bilico fino alla fine. La differenza l’ha fatta l’uomo più discusso del momento, Marasà. Negli ultimi venti minuti è salito letteralmente in cattedra ed ha condotto alla vittoria la sua squadra che fino a quel momento era stata in balia delle giocate di Benedetti e Masi. Peccato che alla fine è stato autore di un gesto palesemente polemico nei confronti della dirigenza presente al campo per verificare lo stato di forma dei giocatori in vista del prossimo campionato. Tale atteggiamento non è stato molto gradito dal presidente; non è escluso una riunione del CDA per valutare la posizione del giocatore in oggetto circa la sua riconferma da “titolare” nella prossima stagione.

Ma parliamo di calcio giocato e fa piacere sottolineare le belle prove di Romani, al rientro dopo una lunga assenza, Bertini veramente indemoniato un moto perpetuo ed autore di un gol di pregevole fattura, per il resto ordinaria amministrazione oltre alla ormai “sedentaria” prestazione di Tridenti nonostante il gol dalla sua posizione preferita.

YELLOWS:

Marazzato: distratto, voto  4,5

Bertini: grintoso, voto 6,5

Santinelli: confusionario, voto 5,5

Perani: nervoso, voto 5,5

Marasà: illuminante, voto 7; indisciplinato, voto 2; media voto 4,5

 

ORANGES:

Insogna: goleador, voto 7

Masi: ispiratore, voto 6

Benedetti: cecchino, voto 6

Tridenti: gran camminatore, voto 5

Romani: lieta sorpresa, voto 6,5

Beppe Marasà trascina gli Yellows alla vittoria (7-6)ultima modifica: 2009-07-21T14:11:49+02:00da sdylla1
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Beppe Marasà trascina gli Yellows alla vittoria (7-6)

  1. Complimenti Angelo per la sintesi e le osservazioni sulla partita di ieri sera, poche parole dove hai veramente condensato tutti i significati principali che condivido in tutte le sfumature.
    Ottima anche l’attribuzione dei voti in pagella dei contendenti, peccato che qualcuno macchi certe prestazioni con atteggiamenti irriguardosi e non rispondenti al suo vero modo di essere, nei confronti di chi non aspetta altro per fargli fare il salto di qualità.

  2. No, non ci sto. Vorrei fare un commento da spettatore esterno.
    Non giudico il voto di Tridenti, ma qualche considerazione vorrei farla. A parte il goal che si può fare o sbagliare come tutti del resto, anche se i cosidetti bravi dovrebbero essere penalizzati di più quando sbagliano un goal facile rispetto ai cosidetti “manovali”, detto questo il commentatore si è scordato il goal tolto, da Tridenti, letteramente dalla porta a portiere battutto su tiro di Santinelli e la definizione di partita “sedentaria” stride con il parere degli avversari che invece più volte gli hanno detto ” ma cosa hai preso stasera? non ti fermi mai”, ma evidentemente ormai nei confronti di questo “STORICO” giocatore ci sono dei giudizi già fatti indipendentemente dalle prestazioni.
    Che dire allora dei suoi due compagni di squadra ex giocatori professionisti che gli ultimi 20 minuti si sono letteralmente seduti sulle gambe e hanno perso palloni a centrocampo facendo infilare la propria squadra in contropiede?? Da dove deriva la sufficienza?? e la insufficienza ad altri?? Non vorrei che si fossero create delle lobby impenetrabili e incontestabili, questo potrebbe portare ad uno sciopero dei “manovali” all’inizio della prossima stagione. Mi meraviglio di Giorgio nel suo giudizio sui voti, mah anche lui ormai sarà nella casta!!?? Riflettete!!

  3. No caro Carlo non ti meravigliare, io più che nella casta sono nella cesta !!! sono sicuro che alle provocazioni non devi risentirti proprio te, capisci a me !!!

Lascia un commento